Tra tutte le modalità di viaggio, quella in camper è senza dubbio la mia preferita. 

Viaggiare in camper offre una libertà senza pari. Puoi decidere quando partire, dove andare e quanto tempo rimanere in ogni luogo. È come portare la tua casa con te ovunque tu vada!

Un viaggio su strada è un’avventura che prima o poi nella vita ogni viaggiatore dovrebbe provare e ci sono esperienze che si prestano esattamente per un viaggio di questo tipo, come un tour on the road in California  alla scoperta dei parchi nazionali o un viaggio in Algarve tra le tante meraviglie del Portogallo. 

Viaggiare in camper richiede organizzazione e ci sono alcune cose importanti da tenere a mente prima di partire, come i luoghi in cui sostare, le  politiche dei vari paesi e le eventuali sanzioni. In questo articolo ti aiuterò ad approfondire tutti questi aspetti e a rendere il tuo viaggio indimenticabile. 

Sono Laura, fondatrice de I Weekendieri, e se c’è una cosa che amo è quella di viaggiare in ogni modo e se anche tu avessi in mente da tempo di viaggiare in camper (o lo avessi già fatto), non puoi perderti questa guida. 

Partiamo

I vantaggi del viaggio in camper

É innegabile: viaggiare in camper ha vantaggi enormi. 

Vediamoli

  • Viaggi libero: viaggiare in camper ti dà la libertà di decidere dove andare e quando. Non sei vincolato a prenotazioni alberghiere o orari dei voli.

Puoi semplicemente metterti alla guida del tuo camper e partire verso nuove destinazioni quando ti va.

  • Viaggi comodo: un altro grande vantaggio è la possibilità di portare con te tutto ciò di cui hai bisogno. Un camper ben attrezzato ti offre uno spazio comodo per dormire, cucinare e rilassarti. Non devi preoccuparti di cercare un ristorante o un hotel, puoi prepararti i tuoi pasti preferiti direttamente nel tuo mini appartamento su ruote. 
  • Viaggi in mezzo alla natura: viaggiando in camper puoi goderti la natura in modo più diretto. Puoi svegliarti con una vista mozzafiato sul mare o sui monti e immergerti completamente nell’ambiente circostante. Puoi fare escursioni, praticare sport all’aria aperta o semplicemente rilassarti sotto il sole.

E l’emozione di svegliarti tra la natura, magari davanti alla Monument Valley, è indescrivibile, te lo garantisco. 

  • Viaggi risparmiando: questa modalità di viaggio ti permette di risparmiare. Eviti i costi elevati degli alberghi e dei ristoranti perché hai tutto ciò che ti serve nel tuo veicolo. Inoltre, puoi scegliere tra diverse opzioni di parcheggio economiche o gratuite.
  • Viaggi in modo versatile: con un camper, hai la possibilità di cambiare destinazione in un battibaleno. Se un posto non ti convince, basta salire e guidare verso nuovi orizzonti. La tua avventura è completamente nelle tue mani e non rischierai di perdere tempo in luoghi che non si addicono al tuo viaggio. 
  • Viaggi conoscendo altri camperisti: sono tantissimi i viaggiatori che amano spostarsi in camper e potrai entrare a far parte di una comunità di viaggiatori appassionati proprio come te. I camping sono un’opportunità unica per connettersi con persone che condividono la tua stessa passione.

Prima di partire col camper o qualsiasi altro mezzo, il mio consiglio è sempre quello di stipulare un’ottima assicurazione di viaggio che possa coprire imprevisti di ogni tipo. La mia è Heymondo e cliccando qui sotto potrai averla con uno sconto del 10%!

Vacanza in camper italia

Noleggiare o acquistare un camper?

Se stai pensando di intraprendere questa nuova un’avventura, potresti trovarti di fronte a una decisione importante: noleggiare o acquistare un camper?

La risposta a questa domanda dipende dalle tue abitudini di viaggio e da quello che ricerchi per le tue esperienze future. 

Entrambe le opzioni hanno i loro pro e contro, quindi è meglio esaminarle attentamente prima di prendere una decisione.

Noleggio

Se hai intenzione di fare solo un viaggio occasionale in camper o se non sei sicuro se questa esperienza fa per te, il noleggio è sicuramente la scelta migliore. Questa opzione ti offre la flessibilità di scegliere il tipo di camper che desideri e puoi evitare i costi associati all’acquisto come l’assicurazione, la manutenzione e lo stoccaggio. 

I costi variano in base alla compagnia di noleggio che si decide di scegliere. 

Per il mio viaggio negli USA, per esempio, abbiamo noleggiato un camper con Roadsurfer e ci siamo trovati benissimo.

Per un viaggio della durata di due settimane, in cui ci siamo spostati continuamente e abbiamo fatto tratte lunghissime, abbiamo speso un totale di 3.000€ a testa, compresi di noleggio, carburante, cibo ed extra. 

Il camper del mio ultimo viaggio per i mercatini del Nord Europa, invece, lo abbiamo noleggiato con Green Caravan ed è stata un’esperienza altrettanto bella. 

Per un viaggio di 11 giorni, le spese principali sono state il noleggio del camper (circa 89€ al giorno), la spesa per il cibo (circa 220€, la benzina (280€) e i vari pedaggi autostradali/dogana. 

Acquisto

Se sei appassionato di viaggi in camper e sai che vorrai continuare a farlo nel lungo periodo, potrebbe valere la pena considerare l’acquisto. Avere un camper ti permette di personalizzarlo secondo le tue preferenze e ti dà la libertà di partire quando vuoi senza dover prenotare in anticipo. Inoltre, avrai accanto a te un compagno di viaggio con cui creerai un legame indissolubile. 

L’acquisto di un camper è sicuramente un passo importante da considerare. Quale tipo di camper dovresti scegliere? E quali sono i consigli utili da tenere a mente?

Innanzitutto, è importante valutare le tue esigenze e il tipo di viaggi che desideri fare. 

Ci sono diversi tipi di camper disponibili sul mercato: i principali sono i furgoni convertiti, i motorhome classe A e B e i camper a rimorchio

Ognuno ha le sue caratteristiche uniche e vantaggi specifici.

Se hai bisogno di una soluzione più compatta e maneggevole, potresti optare per un furgone convertito (il classico “van”). Questa opzione può essere ideale per viaggiatori singoli o coppie che desiderano una maggiore libertà nel parcheggio e nell’accesso a luoghi più stretti. Questi sono furgoni adattati per includere una piccola zona cucina, un letto e un bagno e sono facili da guidare. 

D’altra parte, se stai cercando più spazio e comfort durante il tuo viaggio su strada, potresti considerare l’acquisto di un motorhome classe A o B anche se, ovviamente, hanno un costo più alto di quelli precedenti.

Queste unità offrono solitamente una vasta gamma di servizi come cucine completamente attrezzate, bagni privati ​​e aree notte separate: i camper di classe B sono più grandi rispetto ai furgonati ed offrono più spazio, mentre i camper di classe A sono quelli ancora più attrezzati e con ampi spazi all’interno.

Un’altra opzione da prendere in considerazione è quella dei camper a rimorchio (la roulotte). Questa scelta ti permette di separare il veicolo trainante dal modulo abitativo quando non ne hai bisogno ed è particolarmente utile se desideri utilizzare l’auto per le escursioni e lasciare la roulotte parcheggiata.

Considera il tuo budget e stabilisci un limite massimo che sei disposto a spendere e ricorda che l’acquisto di un camper può comportare costi aggiuntivi come assicurazione, manutenzione e spese di parcheggio.

PS: Dopo aver viaggiato in lungo e in largo on the road, acquistare un camper è uno dei miei desideri e spero di riuscire a realizzarlo presto! 

Viaggiare in camper in Italia

Fin dal primo momento in cui decidi di metterti su strada, è essenziale conoscere la politica sul viaggiare in camper del Paese in cui ti stai recando, così come le eventuali sanzioni, luoghi in cui fermarsi e come sostare senza avere problemi. 

Per quanto riguarda l’Italia, il nostro Paese offre molte opportunità per gli amanti del campeggio itinerante. 

Dove si può sostare in camper? 

La circolazione e la sosta di un camper sono regolate dall’art. 185 del Codice della Strada che equipara gli autocaravan alla categoria degli autoveicoli per quanto riguarda le norme e i divieti da rispettare.  

Per quanto riguarda la sosta, ne esistono diverse tipologie.

Sosta libera e parcheggi a pagamento

Con “sosta libera” si intendono tutte le tipologie di sosta/pernottamento fatte fuori da aree attrezzate. 

Questa tipologia è spesso la soluzione migliore per chi ama fare viaggi molto itineranti. Se ami spostarti e vuoi risparmiare soldi in campeggi, la soluzione migliore è sicuramente quella di sostare in libera e trovare un parcheggio sicuro per poche ore (massimo 48/72). 

Il parcheggio è gratuito: basta semplicemente che le quattro ruote rientrino all’interno dell’area delimitata da strisce bianche.

Rientrano nella “sosta libera” anche i parcheggi a pagamento (quelli adibiti anche alle auto). Attenzione però, perchè alcuni di questi non accettano camper, specie quelli custoditi. 

In sosta libera non è possibile allestire l’ esterno del camper con verande, cunei o tendalini. Tutto ciò è possibile farlo solo nei campeggi. Inoltre non è permesso il carico o lo scarico di acque grigie e nere sul suolo pubblico. 

È fondamentale essere consapevoli delle eventuali sanzioni legate alle violazioni delle norme durante il viaggio in camper. Ad esempio, sostare o dormire in luoghi non autorizzati può comportare multe molto salate. Pertanto, ti consiglio vivamente di informarti sulle regole specifiche della regione che stai visitando e di rispettarle attentamente.

  1. Aree di sosta comunali e private

Le aree di sosta per camper sono spazi adibiti per la sosta, quindi aree attrezzate.  

In tali zone non è consentito il campeggio libero, quindi, non si possono installare i piedini o i cunei di livellamento per fissare il camper al suolo, né mettere fuori tavolini, sedie o tende.

Molto spesso, le aree di sosta sono dotate di Camper Service: spazi adibiti allo smaltimento delle acque reflue grigie, al carico delle acque chiare e allo scarico dei serbatoi delle acque nere (WC). 

Le aree di sosta possono essere: 

  • comunali (con o senza Camper Service): qui si può sostare col camper in generale fino a 48-72 ore e possono essere fornite con docce, bagni e servizi vari. 

Tuttavia, diverse aree di sosta comunali, non sono provviste di camper service ed è bene informarsi in anticipo. 

  • private (a pagamento): queste sono le aree più dotate per sostare col camper, in cui spesso ci sono servizi di sorveglianza.  Inclusi nel pagamento, ci sono i servizi (carico e scarico, bagni, docce, allacci) e il costo della sosta si aggira di solito tra i 10 ed i 30 euro a notte per camper. 
  1. Campeggi 

Diversamente dalle aree citate sopra,  quando ci si ritrova in campeggio si ha la quasi totale libertà di azione e quindi si può allestire l’esterno del camper con tendalini, sedie, ecc..

Le uniche limitazioni sono imposte dal buon senso: per esempio, è importante mantenere il silenzio durante determinati orari (la notte e a volte dopo pranzo).

Il costo per la permanenza nei campeggi dipende dal numero di campeggiatori, dalla presenza o meno di animali e dagli altri servizi offerti dall’area.

I campeggi  sono più costosi delle aree di sosta, ma garantiscono un comfort non indifferente. Spesso forniscono animazione diurna e serale, ristoranti, piscine o l’accesso diretto alla spiaggia, campi sportivi. 

In Italia, per sostare in un camping, si parte dai 20€ al giorno in su (in base alla stagione, luogo, servizi..).

Viaggiare in camper in Francia

Se stai pensando di scoprire la Francia on the road e di osservare i suoi paesaggi pazzeschi mentre stai guidando, sappi che, come per l’Italia, anche in Francia viaggiare e sostare in camper non è difficile. 

Anche qui si trovano campeggi e aree sosta e, per chi vuole sostare in libera, ci sono alcune zone in cui è possibile fermarsi in totale tranquillità. 

La Francia è un paese molto accogliente per i camperisti e offre numerose opzioni per soste e campeggi.

Campeggi 

Quando si tratta di scegliere i campeggi, hai molte opzioni a disposizione. Puoi optare per campeggi attrezzati con servizi completi come bagni, docce e allacciamenti elettrici: questi camping sono ideali se desideri comfort extra durante il tuo viaggio.

Sono molto conosciuti i campeggi municipali che hanno due vantaggi:

– si trovano spesso nelle vicinanze del paese o città: 

– hanno delle tariffe piuttosto basse

Ad ogni modo, si possono trovare campeggi di ogni livello: da quelli più semplici che offrono piazzole e servizi di base, a quelli attrezzati per soggiorni lunghi, con parchi acquatici, negozi e numerosi servizi. 

Tieni conto che, in genere, i prezzi dei camping in Francia sono inferiori rispetto a quelli in Italia e, di solito, non è necessario prenotare, a meno che tu decida di campeggiare in alta stagione. 

Aree di sosta 

In tutto il territorio francese sono presenti aree di sosta in cui fermarsi con il camper. 

Si possono trovare aree gratuite, spesso formate da un piazzale che può essere dedicato ai camper, o a pagamento

Come per l’Italia, anche queste aree di sosta sono dotate di Camper Service. 

In Francia ci sono addirittura delle catene di aree sosta camper (come camping car-park) che offrono varie aree in tutto il territorio e a cui si accede attraverso una tessera prepagata. 

cosa vedere in Portogallo

Viaggiare in camper in Spagna

Esplorare la Spagna su quattro ruote ti permetterà di goderti la libertà e la bellezza unica dei suoi paesaggi mozzafiato, delle città affascinanti e delle spiagge spettacolari che questo Paese ha da offrire. 

Come per Italia e Francia, anche in Spagna non mancano aree di sosta e campeggi attrezzati. In particolare, la Spagna, in questi ultimi anni, ha sempre più rivalutato il turismo itinerante attrezzandosi in merito, aumentando sempre di più le aree sosta e i servizi.

Sono tantissimi i viaggiatori che ogni anno decidono di esplorare la Spagna on the road e, se non l’avessi ancora fatto, dovresti proprio pensare ad organizzare un viaggio di questo tipo qui. 

Soste e Campeggi

La Spagna offre numerose aree di sosta designate per i camperisti, chiamate Áreas de Servicio

Queste aree sono fornite di Camping Service e forniscono i servizi principali come scarico delle acque, ricarica dell’acqua e allacciamenti elettrici.

I campeggi sono diffusi ovunque e offrono una gamma di servizi e comfort.

Durante la stagione turistica, è consigliabile prenotare in anticipo, specialmente nelle zone più turistiche.

Tuttavia, i prezzi dei campeggi in Spagna sono, rispetto alla media europea, relativamente alti. Un parcheggio per due persone in alta stagione costa in media 33 € a notte (corrente inclusa) e, per questo, in molti scelgono di sostare in libera per ammortizzare i costi. 

Per quanto riguarda la sosta libera, è consentita, anche se le indicazioni in merito non sono molto chiare. La politica è diversa a seconda della regione e il controllo non è ugualmente rigoroso ovunque. 

Nei parchi nazionali non è consentito fermarsi, ma, in ogni caso, è permesso sostare lungo le autostrade e nei parcheggi e campeggi appositamente designati per i camper.

Inoltre, alcune aree limitrofe a Barcellona e Madrid sono considerate zone ambientali e, oer questo, alla vigilia della partenza ricordati di verificare se il tuo camper è conforme alle norme in materia di gas di scarico! 

PS: sapevi che c’è una particolarità tutta spagnola in merito alle sanzioni amministrative?

 In caso di multa, il pagamento della contravvenzione entro 20 giorni comporta uno sconto del 50%! 

cosa vedere in portogallo on the road

Conclusioni

In questo 2024 regalati un viaggio in camper: non te ne pentirai. 

Un’esperienza del genere ti saprà arricchire come poche altre e tornerai a casa con ricordi indelebili che solo una vacanza on the road riesce a regalarti. 

Che sia la Spagna, l’Italia o qualsiasi altro posto nel mondo, parti alla scoperta di posti meravigliosi a bordo del tuo amico a quattro ruote! 

Come sempre, se hai bisogno di ulteriori consigli o informazioni, ti consiglio di seguirmi su Instagram, dove potrai rimanere aggiornato ogni giorno sui miei weekend e attività.

Ma ti ricordo anche di iscriverti alla Newsletter, per rimanere sempre aggiornato sulle ultime news, sui consigli di viaggio e ricevere gratuitamente la guida per i viaggiatori da weekend.

Sono qui per aiutarti a organizzare il tuo weekend perfetto, ovunque tu voglia andare.

Potresti notare che alcuni dei link presenti sono in affiliazione, ma non preoccuparti, il prezzo per te non cambia. Acquistando tramite questi link, ci aiuterai a supportare il progetto de I Weekendieri, con cui potremmo continuare a fornirti i migliori consigli per i tuoi viaggi!