Il Sequoia National Park è uno dei parchi nazionali più conosciuti degli USA ed uno dei più importanti di tutta la catena montuosa della Sierra Nevada in California. 

É impossibile non rimanere incantati dalla maestosità della natura in America e questo posto non fa di certo eccezione. Ogni parco nel Sud Ovest degli Stati Uniti ha una storia a sé, è ricco di tesori nascosti e ti lascia letteralmente a bocca aperta di fronte a così tanta meraviglia naturale e vastità. 

Il Sequoia National Park è una tappa imperdibile se stai viaggiando la California on the road in camper.

Qui potrai ammirare le sequoie giganti, respirare aria pura e goderti paesaggi mozzafiato. 

Immagina di trovarti circondato da alberi giganteschi, le maestose sequoie, e di sentirti piccolo piccolo in confronto a così tanto volume.

In questo angolo incantato della California, la natura si esprime in tutta la sua grandezza, invitandoti a esplorare sentieri nascosti, ammirare panorami mozzafiato e lasciarti affascinare dalla bellezza incontaminata che avvolge ogni angolo del parco.

Il parco si estende per ben 1635 km2 e, come puoi immaginare, è essenziale organizzare al meglio la tua visita in modo da non perdere le principali attrazioni. 

Per questo motivo, ho deciso di darti consigli utili che ti aiuteranno ad organizzare il tuo viaggio. 

Sono Laura, fondatrice de I Weekendieri, e oggi ti porto alla scoperta di una delle tappe più belle del mio viaggio in America: il Sequoia National Park.

Sei pronto a seguirmi? 

Come arrivare al Sequoia National Park da Los Angeles

Se sei appena arrivato all’aeroporto internazionale di Los Angeles, noleggia la tua auto o van e parti per il Sequoia National Park. 

La tua avventura inizierà con un tragitto di 3 ore e mezza: le distanze in America sono assurde e, paradossalmente, 4 ore di auto non sono nemmeno poi così tante in confronto ad altri spostamenti, come quello decisamente più lungo da Los Angeles al Gran Canyon

E poi si sa, la cosa più bella di un viaggio in America sono i paesaggi da ammirare attorno a te e qui potrai goderti la vista di quelli desertici del Mojave National Preserve. 

Il Sequoia National Park dista circa 300 chilometri a nord di Los Angeles e si può raggiungere in auto, in autobus o in treno.

Il mezzo più consigliato è l’auto o, se stai viaggiando on the road, un camper: l’accesso al parco avviene dalla Highway 198 che attraversa la Sierra Nevada e il parco dispone di un’ampia rete di strade che permette di raggiungere facilmente i principali punti di interesse. 

In alternativa, potresti arrivare qui in treno o in autobus: tuttavia, il percorso è più lungo e dura circa 7h. 

Una volta arrivato vicino al parco, inizierai a notare un cambiamento nella vegetazione mentre ti avvicini alle montagne e dovrai imboccare una strada panoramica.

Qui finalmente potrai entrare in questo magico parco: la Ash Mountain Entrance è la via d’accesso al parco, nonché l’ingresso più comune per chi viene da sud (Los Angeles, San Diego) o sud-est (Las Vegas o Death Valley). 

sequoia national park in camper

Ingresso al Sequoia National Park

L’ingresso al Sequoia National Park, essendo un parco nazionale, è incluso nella tessera parchi, la National Parks Pass

La carta costa 80$ e permette di visitare i principali parchi degli USA.

Se non prevedi di farla (anche se non te lo consiglio!) comprando un unico biglietto del costo di 35$ a veicolo, si possono visitare sia Sequoia National Park che l’attiguo Kings Canyon.

Il biglietto ha validità 7 giorni e si può passare in entrambi i parchi senza alcun problema.

Capita spesso di vedere menzionati questi due parchi insieme. 

Il Sequoia National Park è il parco nazionale che tutela l’area montana nella Sierra Nevada del sud, nella Tulare County, a est della cittadina di Visalia, in California. 

Il Kings Canyon, invece, si trova sul confine nord-est del parco di Sequoia ed qui che si trova il canyon da cui prende il nome. 

Le sequoie più belle, come il General Sherman Tree che ti mostrerò tra poco, si trovano nella Giant Forest

Una volta dentro, lasciati trasportare dalla bellezza di questo posto. 

Segui le indicazioni e non esitare a fermarti nei centri visitatori per ottenere informazioni aggiornate su sentieri, eventi speciali o altre gemme nascoste che potrebbero arricchire la tua esperienza.

Ci sono alcuni aspetti che è bene tenere a mente prima di visitare il parco: 

  • Il Sequoia National Park ospita tanti orsi al suo interno e, per evitare danni ai veicoli (e non solo alla macchina!), segui con molta attenzione le regole del parco.

Se decidi di campeggiare qui ci sono armadietti appositi per riporre il cibo e che impediranno agli orsi di avvicinarsi a te per rubartelo. 

  • Non ci sono pompe di benzina dentro il parco:  è possibile fare il pieno a Hume Lake, a Stony Creek e al Kings Canyon Lodge.
  • Gli animali domestici sono ammessi solo nei campeggi, nelle aree pic-nic e in altre aree apposite.

Dove dormire e campeggiare

Dormire all’interno del parco ti permetterà di goderti la bellezza della natura anche durante la notte e, credimi, è un’esperienza imperdibile. 

Se vuoi campeggiare dentro il parco, dovrai acquistare un permesso specifico che varia a seconda dell’area scelta ed è quindi importante organizzarsi con anticipo e informarsi sulle diverse opzioni disponibili.

Non preoccuparti, dentro il parco non ci sono solo le sequoie giganti ad aspettarti, ma anche numerose opzioni per tutte le tasche e le esigenze!

Se sei un avventuriero nato e ami dormire in tenda, il Sequoia National Park offre numerosi campeggi e hai solo l’imbarazzo della scelta tra campeggi a basso costo o strutture più attrezzate con docce calde e servizi igienici puliti. 

I campeggi nel parco, in particolare quelli vicini ai boschi di sequoie giganti, sono luoghi meravigliosi per apprezzare la natura circostante. 

Il periodo migliore per campeggiare va da giugno a metà settembre. Tuttavia, è importante notare che i campeggi si trovano a quote diverse, che vanno da 2.100 piedi a 7.800 piedi e, quindi, più si sale, più fresche sono le temperature, soprattutto di notte.

Tra quelli più raccomandati ci sono il Lodgepole, il Dorst Creek, lo Stoney Creek e il Buckeye

Le prenotazioni all’interno del parco possono essere effettuate tramite il sito Web dei parchi nazionali di Sequoia e Kings Canyon. Ti consiglio di prenotarli con largo anticipo perchè vanno a ruba velocemente!

Se preferisci un po’ più di comfort e vuoi passare una notte riposante al caldo senza dover cercare di accendere un fuoco, allora puoi optare per uno dei lodge presenti all’interno del parco. Qui troverai stanze confortevoli e riscaldate, ma ovviamente anche prezzi più elevati rispetto ai campeggi.

Tra i principali lodge ci sono il Wuksachi, il Montecito Sequoia, il Cedar Grove e il John Muir

Inoltre, se volessi risparmiare, potresti pensare di alloggiare fuori dal parco: sono diverse le cittadine in cui fermarsi e facilmente raggiungibili dal Sequoia. 

Le città da considerare sono: 

  • Three Rivers, che rappresenta la porta di ingresso al parco
  • Visalia, a circa 30 minuti dalla prima
  • Fresno, il centro urbano più grande della zona dopo Bakersfield e qui trovare motel a basso prezzo non è difficile. 
  • Bakersfield, a 1h e 30 dal Visitor Center e 2.30 h dalle prime sequoie. 

Cosa mettere in valigia

Cosa mettere in valigia per il Sequoia National Park?

Tutto dipende dalla stagione in cui andrai. 

Il parco è aperto 365 giorni all’anno e la primavera e l’estate sono i periodi più consigliati per godere appieno delle meraviglie in fiore e delle temperature miti. 

In inverno, invece, si può osservare lo spettacolo delle sequoie giganti ricoperte di neve ma, ovviamente, campeggiare qui durante questo periodo è molto difficile.  

E’ importante considerare che è un parco in zona d’altura e, quindi, bisogna tener conto di tutti gli accorgimenti per evitare di congelare la notte e non solo d’inverno, ma anche d’estate quando le temperature scendono drasticamente la sera. 

Innanzitutto, ricordati di portare con te un abbigliamento comodo e adatto alle escursioni. Scarponcini da trekking, pantaloni resistenti alle abrasioni e magliette a manica lunga per proteggervi dal sole sono solo alcuni degli elementi fondamentali. 

Se hai intenzione di campeggiare, non dimenticare il sacco a pelo e l’isolante termico per affrontare le notti fresche.

Ma non limitarti solo all’abbigliamento! Ricordati di portare anche un kit di sopravvivenza che includa acqua potabile, cibo non deperibile, una torcia elettrica e un coltello multiuso. 

All’interno del Sequoia National Park ci sono numerosi negozi di souvenir dove potrai acquistare sia oggettistica varia berretti da ranger che ti faranno sembrare un vero esploratore, sia prodotti essenziali che potresti esserti dimenticato di mettere in valigia. 

Ricorda che le condizioni meteorologiche possono variare, quindi è sempre meglio essere preparati per ogni eventualità, quindi adatta la lista in base alla stagione del tuo viaggio.

Infine, una cosa che non deve assolutamente mancare in valigia è un’ottima assicurazione per il tuo viaggio, soprattutto se di questo tipo: può essere la scelta della vita, per tanti imprevisti diversi. Se decidi di scegliere la mia, Heymondo, ottieni un 10% di sconto cliccando qui sotto.

Cosa vedere al Sequoia National Park

Siamo arrivati alla parte più bella, quella in cui ti mostrerò cosa vedere in questo incredibile incanto della natura. 

Il Sequoia Park si estende su una superficie enorme e, per vederlo tutto, non basterebbero diversi giorni. Tuttavia, la media di permanenza all’interno del parco dei turisti è solitamente di un giorno, a volte mezza giornata o poche ore e questo dimostra che è possibile vedere le principali attrazioni in un lasso di tempo relativamente breve. 

Per questo, voglio darti qualche suggerimento sui luoghi più belli e interessanti che ho avuto modo di vedere e che mi hanno portato in forte connessione con la natura. 

Dall’entrata principale, la Ash Mountain Entrance, si percorrono circa 17 miglia di stretti tornanti per arrivare alla Giant Forest.  Da dove viene il nome la “Foresta dei Giganti”?

Beh, ovviamente dalle millenarie sequoia, le più antiche creature viventi esistenti al mondo che ancora oggi crescono lentamente ogni anno e che hanno altezze impensabili. 

Da non perdere è la visita alle grotte di Crystal cave: sono grotte formate di marmo e hanno effetti scenici spettacolari. Qui puoi ammirare stalattiti e stalagmiti ovunque! 

Non perdere l’opportunità di fare una passeggiata lungo il fiume Kaweah e visitare le cascate Moro Rock e Tokopah Falls, due delle attrazioni naturali più belle del parco. 

Moro Rock, in particolare, offre  un’esperienza panoramica straordinaria: questo monolite gigante è raggiungibile sia a piedi tramite un sentiero che in auto e da qui si ha una vista panoramica incredibile su tutte le sequoia dall’alto. Al tramonto è ancora più affascinante! 

Non dimenticare di esplorare le Cavern Point Sequoia Trees, dove gli alberi formano un suggestivo tunnel naturale e, per un’esperienza immersiva, percorri il Congress Trail, un sentiero che ti condurrà attraverso una comunità di sequoie. 

Tra tutte queste, c’è un’attrazione che rappresenta il fiore all’occhiello del Sequoia National Park..Sto parlando del General Sherman Tree! 

Il Generale Sherman

Il General Sherman Tree, o Generale Sherman, è uno dei luoghi più visitati del Sequoia National Park e non potrebbe essere altrimenti: questa è la sequoia gigante più grande del mondo in termini di volume! 

Si trova all’interno della Giant Forest ed è un albero monumentale alto quasi 84 metri e con una circonferenza alla base di circa 31 metri. Per farti capire quanto è grande, ti basta pensare che un suo ramo ha circa 2 metri di diametro. Insomma, un vero e proprio gigante!

Il nome gli è stato dato nel 1879 dal naturalista James Wolverton, che lo scoprì e lo battezzò così in onore del generale della guerra di secessione americana William Tecumseh Sherman. 

Ma la cosa che colpisce di più del Generale Sherman non è tanto la sua grandezza, ma la sua età. Si stima infatti che abbia circa 2.200 anni e non è nemmeno il più vecchio delle sequoia del parco! 

Se ti stessi chiedendo come possa essere sopravvissuto così a lungo, la risposta è semplice: grazie alla natura stessa! La corteccia spessa e resistente lo protegge dalle intemperie e gli permette di assorbire l’acqua direttamente dall’aria. Inoltre, il suo legno morbido ma resistente gli consente di adattarsi ai cambiamenti climatici.

Il Generale Sherman è molto più di un semplice albero: è un simbolo della forza e della bellezza della natura che ci circonda e la sua grandezza, la sua età e la sua bellezza ci ricorda quanto sia essenziale proteggere le meraviglie naturali del nostro pianeta per le generazioni future.

Conclusioni

Tra sequoie giganti, cascate mozzafiato e panorami spettacolari, questo parco naturale offre una vera e propria immersione nella natura.

Durante tutta la visita, ho avvertito dentro di me la sensazione di essere un puntino minuscolo in mezzo a così tanta grandezza e bellezza. 

La natura ha una forza enorme e pensare che ogni angolo di questo parco ha una sua storia da raccontare e secoli di vita, non solo è affascinante, ma è d’aiuto nel capire il legame tra uomo e natura. Un legame indissolubile e sacro. 

Dentro questa area verde tutto si ferma e rimane solo lo stupore davanti agli occhi. 

Spero di averti dato consigli utili per organizzare al meglio la tua visita al Sequoia National Park e non perdere il meglio che questo parco ha da offrire. 

E come sempre, se hai bisogno di ulteriori consigli o informazioni, ti consiglio di seguirmi su Instagram, dove potrai rimanere aggiornato ogni giorno sui miei weekend e attività.

Ma ti ricordo anche di iscriverti alla Newsletter, per rimanere sempre aggiornato sulle ultime news, sui consigli di viaggio e ricevere gratuitamente la guida per i viaggiatori da weekend.

Sono qui per aiutarti a organizzare il tuo weekend perfetto, ovunque tu voglia andare.

Potresti notare che alcuni dei link presenti sono in affiliazione, ma non preoccuparti, il prezzo per te non cambia. Acquistando tramite questi link, ci aiuterai a supportare il progetto de I Weekendieri, con cui potremmo continuare a fornirti i migliori consigli per i tuoi viaggi!