Come visitare le attrazioni migliori di Parigi in soli 2 giorni?

Leggi l’articolo per scoprire come organizzare al meglio il tuo weekend nella capitale francese.

Day 1 Venerdi

Siamo partiti da Reggio Emilia alle 17, destinazione Milano Linate, dove il volo easy jet delle 20:45 ci attendeva per portarci a Parigi.
Atterrati all’aeroporto Charle des Gauls abbiamo fatto i biglietti della RER, comodissimo treno navetta che in 20 minuti ti porta in pieno centro città. Abbiamo soggiornato all’hotel d’Enghien a Porte Saint-Denis vicinissimo al centro e con un ottimo rapporto qualità prezzo.
L’albergo è situato in una zona piena di locali così prima di coricarci ci siamo concessi un buon calice di vino in un pub della zona, il Cafe Aux Fourreurs.

Day 2 Sabato.

Svegliati dall’odore dei croissants appena fatti e dalle voci dei passanti per le strade ci siamo preparati e incamminati per visitare il centro storico.
Avendo poco tempo a disposizione abbiamo dovuto selezionare le principali tappe da visitare e la nostra scelta è ricaduta su:

  • Le Centre Pompidou avveniristica costruzione firmata Renzo Piano, situata nel quartiere Sainte-Avoye.
  • Notre-Dame de Paris e l’Ile de la cité, dove ci siamo persi fra le mille fotografie e i quadri e ritratti degli artisti di strada.
  • Museo del Louvre, che è possibile raggiungere da Notre Dame percorrendo il lungo Senna. Per visitarlo tutto non basterebbe una vita intera e noi, con solo un paio d’ore a disposizione, abbiamo dovuto selezionare solo alcune opere.
  • Le Champs Élysées, dove abbiamo pranzato con la tipica omelette parigina, una delle più buone che abbiamo mai avuto modo di mangiare.
  • La Tour Eiffel, su cui tuttavia non abbiamo avuto modo di salire vista la lunghissima coda agli ascensori ma di cui si può apprezzare la maestosità e l’imponenza anche dalla base.
  • Il Trocadero, famosa terrazza da cui si può ammirare la Tour Eiffel e il centro di Parigi e da cui è possibile scattare meravigliose foto. Non esiste posto migliore a Parigi per godersi il tramonto.

Finito il nostro giro siamo tornati con Uber (ottima alternativa alla metro se avete poco tempo) verso il nostro albergo e abbiamo cenato con una tipica “Canard à l’orange”.

Day 3 Domenica.

L’ora del rientro era vicina ma non abbastanza da impedirci di goderci a pieno un’altra giornata parigina.
Le tappe della nostra domenica sono state:

  • Opéra Garnier, maestoso teatro nel pieno centro di Parigi
  • La basilica del Sacro Cuore, dove siamo saliti fino in cima per poter ammirare Parigi in tutta la sua grandezza.
  • Il quartiere di Mont Martre, molto suggestivo e zona famosa per i suoi artisti di strada dove abbiamo pranzato in una tipica Boulangerie.
  • Moulin rouge, famoso e pittoresco locale, dove il bourleque, i balli e i canti sono all’ordine del giorno.

Arrivate le 17 abbiamo ripreso la RER verso l’aeroporto Charles de Gaulle.
Parigi è sicuramente una città che necessita di più di 2 giorni per essere visitata in maniera approfondita, tuttavia, come vedete, un weekend è più che sufficiente per vedere i principali luoghi e attrazioni.

Per maggiori informazioni riguardo Parigi lasciateci un commento o scriveteci una e-mail.
Al prossimo weekend ragazzi!!
I Weekendieri